Agoràpro - Consulenza e assistenza per Cessazione della convivenza di fatto

Fine della convivenza nella coppia di fatto

La cessazione della convivenza di fatto, oltre all’inevitabile sconvolgimento emotivo, porta con sé molte incertezze, in assenza di una regolamentazione di diritto come quella che disciplina la cessazione del matrimonio.

Coerentemente con la stessa natura della convivenza more uxorio, non esiste un istituto sostanziale o processuale appositamente deputato a sancire o regolamentare globalmente la fine della  coppia di fatto, come invece avviene nell’ambito matrimoniale con la  separazione o il divorzio.

Se ci sono figli, riguardo loro si applica anche alle coppie di fatto la generale disciplina (artt. 337 bis e ss. c.c.) che regolamenta l’affidamento, il collocamento e il mantenimento dei minori, il mantenimento dei maggiorenni non economicamente autosufficienti, e l’assegnazione della casa adibita ad abitazione familiare.

Si tratta di una disciplina articolata il cui obiettivo è la tutela in primis dei figli minorenni coinvolti, indipendentemente dal fatto che essi siano nati nel matrimonio o al di fuori di esso.

Spesso, però, si presenta anche l’esigenza di gestire i beni che le parti hanno acquistato in comune durante la convivenza, o di definire i rapporti patrimoniali reciproci.

Al momento della fine della coppia di fatto, infatti, ci si pongono diversi interrogativi:
– Che fine fanno i beni acquistati insieme? A chi rimangono?
– Ho diritto alla restituzione dei soldi impiegati per sistemare o arredare la casa in cui abbiamo abitato, se non rimane a me?
– E il prestito che ho fatto al partner, mi verrà mai restituito? Da chi va pagato il mutuo cointestato?
– Sono obbligato a spostare la residenza se vado via? E se rimango io a vivere nell’immobile, posso obbligare l’ex convivente a cambiare la residenza?

Queste sono solo alcune delle domande più frequenti, le cui risposte non sono universali, ma dipendono dalla specifica situazione concreta.

Se la coppia di fatto ha stipulato un contratto di convivenza, con conseguente ampliamento e articolazione dei diritti riconosciuti dalla legge ai conviventi, è possibile che la definizione di questi reciproci rapporti “dare/avere” sia più semplice. Ma sappiamo bene che questi contratti sono ancora poco diffusi.

Il nostro intervento professionale, dunque, prima ancora dell’assistenza, della difesa e della tutela dei diritti nell’eventuale procedimento giudiziario che dovesse nascere, è finalizzato a trovare gli spazi per il raggiungimento di un accordo soddisfacente, che possa aiutare a ritrovare il prima possibile una serena quotidianità ed un nuovo equilibrio.  

I Professionisti per Fine della convivenza nella coppia di fatto.

Filtra per Categoria di professionisti

Diritto delle Persone, della Famiglia, delle Successioni
Maria Novella Galizia Avvocato

Non sei sicuro?

Non sempre si hanno le idee chiare su quali siano i professionisti che meglio possano accompagnarci durante la risoluzione di un problema. Per questo, noi professionisti di Agoràpro siamo a tua disposizione. Compila il form sottostante e invialo alla segreteria. La tua richiesta verrà comunque presa in carico.