Dai telefilm alla realtà: il difensore d’ufficio

Chi è e cosa fa, davvero, questo professionista, in Italia.

LinkedInFacebookWhatsAppEmail

Chissà quante volte abbiamo sentito pronunciare dal nostro attore americano prediletto la famosa frase “…Lei ha il diritto di rimanere in silenzio; tutto ciò che dirà potrà essere usato contro di Lei… Se non può permettersi un avvocato, gliene sarà assegnato uno d’ufficio…

Queste parole, sicuramente così accattivanti da rimanere impresse in ciascuno di noi, in realtà hanno dato origine ad un grande equivoco relativo alla figura del difensore d’ufficio italiano.

È certamente vero che nel procedimento penale la difesa tecnica è obbligatoria.
Ciascuno di noi, difatti, ha il diritto di nominare sino a due avvocati, quali propri difensori. Possiamo quindi esercitare il nostro diritto alla difesa tecnica nominando uno o più professionisti di fiducia tra quelli di nostra conoscenza.

Più spesso, però, capita di non conoscere un avvocato da poter nominare. Può accadere perché, fortunatamente, non ci si è mai trovati nella necessità di nominare un difensore. Ma ciò si può verificare anche perché l’urgenza delle circostanze non consente di convocare il proprio difensore di fiducia.

In tutte queste situazioni, per garantire il nostro diritto all’assistenza tecnica, il cittadino “che non ha nominato un difensore di fiducia, o ne è rimasto privo, è assistito da un difensore di ufficio” (artt. 96-97 c.p.p.). 

Chi può diventare difensore d’ufficio?

Se pensiamo al nostro telefilm poliziesco preferito, quasi certamente ambientato negli Stati Uniti d’America, pensiamo subito all’avvocato d’ufficio come ad un professionista svogliato, sommerso da pratiche e totalmente disinteressato al proprio lavoro o alle sorti degli assistiti che gli vengono nominati, appunto, “d’ufficio”.

All’idea di un difensore d’ufficio, quindi, rabbrividiamo.

Contrariamente all’immaginario cinematografico, invece, l’ordinamento italiano, che primeggia quanto a tutela dei propri cittadini, prevede che non tutti gli avvocati possano essere nominati quali Difensori d’ufficio.

Il difensore d’ufficio, difatti, non solo non può essere quel professionista negligente dei telefilm, ma anzi deve essere in possesso di specifiche competenze tecniche.

Proprio in virtù della delicatezza dell’incarico che assumerà, può far parte dell’elenco unico dei difensori d’ufficio solo l’avvocato che, in alternativa:

  • ha frequentato un corso di specializzazione della durata di 2 anni, con superamento dell’esame finale;
  • è iscritto all’Albo degli avvocati da almeno 5 anni e possiede una comprovata esperienza in materia penale, attestata dalla produzione di idonea documentazione;
  • ha conseguito il titolo di specialista in diritto penale.

Inoltre, ad ulteriore nostra tutela, il difensore d’Ufficio è tenuto anche a:

  • attenersi scrupolosamente alla disciplina tecnica del proprio Regolamento (R. 22.05.2015 – Articolo 11 – Doveri del Difensore d’Ufficio);
  • adempiere al proprio mandato osservando specifici doveri deontologici (Codice Deontologico Forense – Articolo 26, comma 4 – Adempimento del Mandato)

Quindi non capita di diventare difensori d’ufficio.
Si sceglie di diventare difensori d’ufficio.
E con questa scelta consapevole si affrontano anche le difese più complesse, con l’impegno di chi non difende solo un cliente, ma affianca un assistito.

Chi paga il difensore d’ufficio?

Il difensore d’ufficio è, allora, un avvocato che, oltre ai propri clienti di fiducia – che l’hanno nominato con autonoma scelta – assiste quei cittadini che, per qualunque motivo, sono rimasti privi dell’assistenza in un giudizio penale.

Al pari dell’avvocato che potremmo nominare di fiducia, quindi, l’avvocato che esercita la funzione di nostro difensore d’ufficio deve necessariamente essere retribuito. Gli accordi circa il compenso dell’avvocato/difensore d’ufficio, perciò, saranno i medesimi che potremmo avere con il nostro avvocato di fiducia. 

Differenza tra Difensore d’ufficio e Gratuito patrocinio

Ed ecco allora che proprio a causa delle nostre amate serie televisive americane, capita spesso di confondere la figura del difensore d’ufficio con quella dell’avvocato che presta la propria attività difensiva in regime di cosiddetto Gratuito Patrocinio Penale

Il difensore d’ufficio assiste colui che si trovi, per qualunque motivo, senza difesa tecnica.

Il difensore, invece, che assiste in regime di Gratuito Patrocinio Penale, presta la propria difesa in favore di quel cittadino che non ha la forza economica di sostenere i costi di un legale.

In entrambi i casi si tratta di avvocati dotati di specifiche qualifiche ed iscritti in appositi elenchi: il primo nell’Elenco Unico dei Difensori d’ufficio, il secondo nell’Elenco degli Avvocati per il Patrocinio a spese dello Stato.

Il difensore d’ufficio nel processo minorile

Sempre nell’ottica della miglior tutela del cittadino, la figura del difensore d’ufficio è presente anche nei giudizi avanti il Tribunale per i Minorenni.
In questo caso, oltre alle caratteristiche tecniche e deontologiche già previste per il difensore d’ufficio per i maggiorenni, il difensore iscritto nell’Elenco Speciale dei Difensori d’Ufficio avanti il Tribunale per i Minorenni dovrà aver frequentato anche un apposito corso di specializzazione. Solo in tale modo, difatti, il professionista sarà dotato degli strumenti indispensabili sia per approcciarsi al diverso iter procedurale previsto per i minorenni sia per affiancarne le famiglie in un periodo così complesso delle loro vite.

Viene da pensare allora che forse, una volta tanto, la realtà sia migliore di un telefilm.

Avvocato Daria Bissoli, Partner Agoràpro, Diritto penale - Minori, Famiglie, Persone - Foro di Treviso
Avvocato Daria Bissoli
Diritto penale
Minori, Famiglie, Persone

Agoràpro - Rubrica-il-mondo-dellavvocato e le sue regole - Avv. Daria Bissoli - Il Gratuito Patrocinio Penale
05/04/22 – Avv. Daria Bissoli
Se non posso pagare l’avvocato?
La fiducia reciproca nel rapporto con l’avvocato. di avv. Galizia, Agoràpro
09/11/20 – Avv. Maria Novella Galizia
La fiducia reciproca nel rapporto con l’avvocato
Agoràpro - Avv. Galizia - Rubrica Il Mondo dell'avvocato e le sue regole - La corrispondenza riservata e personale
05/05/20 – Avv. Maria Novella Galizia
La corrispondenza riservata e personale

Per ricevere periodicamente le nostre news nella tua casella e-mail,
iscriviti alla newsletter Agoràpro.

LinkedInFacebookWhatsAppEmail