F.I.R.: a che punto sono i pagamenti

LinkedInFacebookWhatsApp

Aggiornamento del 05/07/2021

Abbiamo parlato più volte di Fondo Indennizzo Risparmiatori nelle nostre news (vedi articolo sottostante e anche FIR: le conseguenze se non si integra la documentazione).

Oggi vi aggiorniamo sui dati che sono stati trasmessi dalla Commissione Tecnica in merito ai pagamenti.

La commissione riferisce che:

“…Alla data del 14 giugno 2021, sul totale di 144.245 domande pervenute, sono state valutate dalla Commissione tecnica n. 75.719 domande ossia il 52% delle istanze complessive e il 60% di quelle afferenti al regime forfettario (125.085) per un totale di € 378.517 mln di euro di indennizzi liquidati…”.

Confidiamo quindi che a breve la Commissione provveda all’esame (e soprattutto al pagamento!) di tutte le istanze presentate.

Ovviamente vi terremo aggiornati!

—– Fine aggiornamento ——

F.I.R.: ecco i pagamenti!

news del 01/03/2021

Torniamo ancora una volta a parlare di Fondo Indennizzo Risparmiatori ovvero di quell’ente creato dalla legge n. 145 del 30.12.20218 chiamato ad indennizzare i risparmiatori che hanno subìto un pregiudizio ingiusto da parte delle banche e delle loro controllate con sede legale in Italia, poste in liquidazione coatta amministrativa dopo il 16 novembre 2015 e prima del 1° gennaio 2018 (tra cui Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza). Trattasi di pregiudizio derivante da violazioni massive degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza, buona fede oggettiva e trasparenza previsti dal Testo Unico delle disposizioni in materia di Intermediazione Finanziaria (TUF), di cui al decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58.

Pochi giorni fa la Commissione Tecnica ha fatto sapere che l’indennizzo spettante a coloro che hanno promosso l’istanza al FIR sarà corrisposto nella misura del 100% (e quindi non più un mero acconto del 40% come già previsto) dell’importo dell’indennizzo riconosciuto a seguito del completamento dell’esame istruttorio.

Si badi bene, ovviamente, che l’importo del 100% è sempre commisurato al limite indennizzabile stabilito per legge ovvero il 30% del costo di acquisto delle azioni e il 90% del costo di acquisto delle obbligazioni.

Pertanto, coloro che hanno già ricevuto l’acconto dell’indennizzo nella misura del 40%, riceveranno le residue somme a titolo di saldo (60%). Ai rimanenti istanti che a seguito del completamento dell’esame istruttorio risulteranno aventi diritto, sarà erogato direttamente il 100% delle somme spettanti a titolo di indennizzo.

Vi consigliamo quindi di tener monitorati i vostri conti correnti per verificare l’eventuale accredito delle somme a voi dovute.

Avvocato Linda Girardi - Diritto bancario e recupero credito Foro di Treviso
Avvocato Linda Girardi, Diritto bancario e Recupero credito
Servizio di Agoràpro collegato a questo articolo: Fondo indennizzo risparmiatori

Per ricevere periodicamente le nostre news nella tua casella e-mail,
iscriviti alla newsletter Agoràpro.