Pubblicato il nuovo modulo per accedere al Fondo per la sospensione dei mutui sulla prima casa

LinkedInFacebookWhatsApp

News 12

L’attesa è finita: finalmente è stata pubblicata la nuova modulistica per poter presentare la domanda di sospensione del mutuo concesso sulla prima casa. Alleghiamo il modulo al presente articolo.

La domanda può essere compilata online ed inviata telematicamente secondo le modalità indicate da ciascuna banca.

Dopo la firma del Ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Attuativo dell’art. 54 del cd. D.L. “Cura Italia” che integra la disciplina del Fondo Gasparrini.

Come già evidenziato nell’articolo del 25 marzo 2020, il Fondo Gasparrini prevede la possibilità – per i titolari di un mutuo contratto per l’acquisto della prima casa – di beneficiare della sospensione del pagamento delle rate fino a complessivi 18 mesi.

I requisiti soggettivi per accedere al Fondo

Il Decreto Attuativo del 25.03.2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 82 del 28.03.2020, prevede la possibilità di sospendere le rate del mutuo sulla prima casa per

1)
lavoratori dipendenti o parasubordinati che dimostrino
  • la sospensione del lavoro per almeno 30 giorni consecutivi
    o in alternativa
  • la riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni lavorativi consecutivi, corrispondente ad una riduzione almeno pari al 20% dell’orario complessivo.

In tali casi, la sospensione del pagamento delle rate del mutuo sulla prima casa è concessa per la durata massima complessiva non superiore a:

  • 6 mesi, se la sospensione o la riduzione dell’orario di lavoro ha una durata compresa tra 30 giorni e 150 giorni lavorativi consecutivi;
  • 12 mesi, se la sospensione o la riduzione dell’orario di lavoro ha una durata compresa tra 151 giorni e 302 giorni lavorativi consecutivi;
  • 18 mesi, se la sospensione o la riduzione dell’orario di lavoro ha una durata superiore di 303 giorni lavorativi consecutivi.

La sospensione – specifica il Decreto Attuativo – può essere reiterata sempre nel limite dei 18 mesi di durata massima complessiva, anche per periodi non continuativi entro i limiti delle risorse in dotazione al Fondo.

2)
Lavoratori autonomi ed i liberi professionisti che autocertifichino

“… di aver registrato nel trimestre successivo al 21.02.2020 e precedente alla domanda ovvero nel minor lasso di tempo intercorrente tra il 21.02.2020 e la data della domanda qualora non sia trascorso un trimestre, un calo del proprio fatturato medio giornaliero nel suddetto periodo superiore al 33% del fatturato medio giornaliero dell’ultimo trimestre 2019, in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività operata in attuazione delle disposizioni adottate dall’autorità competente per l’emergenza coronavirus …” (cfr. art. 4 Decreto Attuativo del 25.03.2020).

Chi pagherà gli interessi che matureranno durante la sospensione?

Durante il periodo della sospensione, il Fondo rimborserà alle banche il 50% della quota di interessi compensativi maturati sulle rate non versate.

Il restante 50% degli interessi maturati resterà a carico del titolare del finanziamento.

Ai fini del calcolo degli interessi compensativi di cui al co. 1 dell’art. 2 del Decreto Attuativo, si applicherà il tasso di interesse contrattuale vigente al momento della presentazione della richiesta di sospensione del pagamento delle rate del mutuo.

Che cosa accadrà finito il periodo di sospensione?

Al termine della sospensione:

  • il mutuatario riprenderà a pagare le rate partendo dalla quota capitale residua lasciata al momento della domanda,
  • il piano di ammortamento verrà quindi allungato per un periodo pari alla durata della sospensione,
  • il mutuatario dovrà corrispondere alla banca la propria metà degli interessi maturati sulle rate non versate.

Per verificare la convenienza della sospensione del mutuo, il mutuatario in possesso dei requisiti previsti dalla normativa potrà prendere contatto con i professionisti di Agoràpro per una valutazione ad hoc nonché per l’eventuale compilazione della modulistica necessaria.

Avvocato Linda Girardi - Diritto bancario e Recupero credito, Foro di Treviso - Partner Agoràpro
Avvocato Linda Girardi, Diritto bancario e Recupero credito

Per ricevere periodicamente le nostre news nella tua casella e-mail,
iscriviti alla newsletter Agoràpro.