Intervento straordinario a supporto delle esigenze di liquidità delle PMI dei settori commercio, secondario, terziario e artigianato con sede operativa in Veneto

LinkedInFacebookWhatsApp

Conseguentemente alla sospensione o riduzione dell’attività dovuta all’emergenza sanitaria da “Covid-19”, molte imprese del territorio stanno sperimentando notevoli difficoltà a disporre della liquidità sufficiente a garantire la ripresa dell’attività. Nei prossimi mesi, nonostante le graduali riaperture e le misure adottate dal Governo, è facile presumere che tali difficoltà si protrarranno.

La Regione Veneto, vista la necessità di dare una risposta immediata a sostegno del sistema produttivo veneto, con DGR n. 618 del 19 maggio 2020 ha istituito una nuova forma di operatività dei fondi di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle PMI dei settori commercio, secondario, terziario e artigianato, che sarà gestito dalla finanziaria regionale Veneto Sviluppo S.p.A..

Chi sono i beneficiari

Possono beneficiare dell’intervento del Fondo le PMI con sede operativa nel Veneto operanti nei settori di seguito specificati (rif. classificazione ATECO 2007):

  • L.R. 9 febbraio 2001, n. 5: PMI operanti nei seguenti settori: C, D, E, F, H, J, M72, M74.10, M74.90, M75.00, A01.61; I55; Q87; Q88; R90.03.02; R 90.03.09; R91;
  • L.R. 17 gennaio 2002, n. 2: PMI artigiane di tutti i settori;
  • L.R. 18 gennaio 1999, n. 1: PMI operanti nei seguenti settori: E38, G, H52.29, H53.20, I56, J59, J60.10, J60.20, J62, K66, L68, M69, M70, M71, M73, M74.20, M74.30, N77, N78, N79, N80, N81, N82, P85, R90.02, R92, R93, S95, S96;
  • L.R. 18 novembre 2005, n. 17: PMI cooperative di tutti i settori;

che alla data di presentazione della domanda hanno subìto una crisi di liquidità a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 per effetto della sospensione o della riduzione dell’attività.

Tali soggetti, con riferimento alla data del 31/12/2019, non devono comune presentare sulla posizione globale di rischio esposizioni classificate come “sofferenze”, e non devono presentare esposizioni nei confronti del Finanziatore classificate come inadempienze probabili o scadute e/o sconfinanti deteriorate.

Tipologia di aiuto

L’Aiuto è concesso a titolo “de minimis” (Reg. (UE) 1407/2013) sotto forma di finanziamento agevolato e contributo a fondo perduto, entro i massimali di Equivalente Sovvenzione Lordo (ESL) previsti dalla stessa disciplina comunitaria.

L’ammissione alle agevolazioni non esclude per i Beneficiari l’accesso ad altre agevolazioni nei limiti consentiti dai Regolamenti europei di riferimento. In ogni caso, le agevolazioni sono concesse da Veneto Sviluppo S.p.A. nel rispetto dei limiti di cumulo stabiliti dalla normativa europea e nazionale.

Caratteristiche tecniche delle operazioni agevolate

Le operazioni agevolate sono realizzate nella forma del finanziamento agevolato con provvista pubblica per un importo pari al 100% dell’operazione agevolata accompagnato da un contributo a fondo perduto finalizzato all’abbattimento dei costi del finanziamento.

Caratteristiche del finanziamento:

  • Importo finanziabile: minimo: 5.000,00 Euro – massimo 50.000,00 Euro (inteso anche come cumulo di più operazioni in capo al medesimo beneficiario);
  • Durata finanziamento: minimo 12 mesi – massimo 72 mesi;
  • Durata preammortamento: massimo 24 mesi;
  • Tasso di interesse sulla provvista regionale: pari a zero;
  • Costo del finanziamento: massimo 1,20% annuo;
  • Contributo a fondo perduto erogato una tantum pari al 100% dei costi del finanziamento sino ad un importo massimo di euro 2.000,00 per ciascun Beneficiario;
  • Rimborso: a rata mensile/trimestrale costante posticipata per il Beneficiario con restituzione al Fondo da parte del Finanziatore con competenza trimestrale/semestrale.

Il nuovo finanziamento non deve essere finalizzato alla riduzione di precedenti affidamenti presso il medesimo Finanziatore. Inoltre, essendo i finanziamenti destinati a copertura di esigenze di liquidità, non è richiesta alcuna documentazione relativa ad eventuali spese sostenute con le somme erogate.

Presentazione della domanda

Le domande di agevolazione possono essere presentate continuativamente, essendo l’agevolazione “a sportello” entro il termine del 31/12/2020, salvo proroghe.

Le domande di agevolazione possono essere presentate a Veneto Sviluppo S.p.A. solo per il tramite dei finanziatori convenzionati, a cui è quindi necessario rivolgersi per verificare la fattibilità e i costi complessivi della richiesta.

Ulteriori informazioni

Per tutta la documentazione inerente a tale bando, compreso l’elenco dei finanziatori convenzionati, si rinvia alla pagina istituzionale VENETO SVILUPPO.

Dottore commercialista Patrizia Pincin
Patrizia Pincin
Dott.Commercialista

Per ricevere periodicamente le nostre news nella tua casella e-mail,
iscriviti alla newsletter Agoràpro.