Superbonus: quando scade?

LinkedInFacebookWhatsApp

Aggiornamento del 21/07/2021

Nella seduta del 13 luglio u.s. Il Consiglio dell’UE ha approvato il Piano nazionale di ripresa e resilienza italiano di (PNRR) in cui erano previste anche le proroghe dell’agevolazione fiscale “Superbonus”.  Grazie a questo passaggio da parte del Consiglio dell’Unione europea le scadenza per l’applicazione dello sconto in fattura e per la cessione del credito d’imposta è confermata al 30.06.2022.

—– Fine aggiornamento ——

news del 07/07/2021

L’agevolazione fiscale “Superbonus” prevede il riconoscimento di un credito d’imposta del 110% sui costi sostenuti per interventi immobiliari “Sismabonus” ed “Ecobonus”.

Fin dalla data di partenza dell’agevolazione, il 1° luglio 2020, tanti sono i dubbi sorti a chi detiene un immobile.

Tante sono le fatiche e le interpretazioni dei professionisti coinvolti in questo sistema agevolativo così accattivante, ma anche con molte insidie lungo la strada per raggiungere il traguardo.

Mi soffermo su quello che è, ad ora, il dubbio principale sulla fattibilità degli interventi “Superbonus”.

Quando vanno completati i lavori per usufruire dell’agevolazione dello “sconto in fattura” e della “cessione del credito” con legata possibilità di ottenere o meno il finanziamento-ponte?

La partenza, rallentata dalla mancanza di informazione per i tecnici, ha portato alla proroga della scadenza del “Superbonus” dal 31.12.2021 al 30.06.2022. La proroga è però in attesa di approvazione del Consiglio dell’UE.

Questo automaticamente limita la nascita dei cantieri a cavallo delle annualità 2021-2022 perché finanziariamente non sono gestibili se non si ha della propria liquidità da investire. Peccato che ciò che rende così accattivante il “Superbonus” sia proprio la possibilità di gestire finanziariamente i costi dell’intervento tramite “sconto in fattura” o “cessione del credito”.

Considerate le tempistiche attuali per l’accesso agli atti, la gestione delle richieste di finanziamento-ponte, il rilascio di asseverazioni e il riconoscimento e liquidazione degli “sconto in fattura” e “cessione del credito”, diventa da “Supereroi” riuscire a realizzare degli interventi un po’ più complessi che non siano il semplice cambio finestre, caldaia e fotovoltaico.

Tutti i soggetti che intervengono nel sistema “Superbonus” sono in forte difficoltà; dalle imprese coinvolte nel settore edile ai professionisti, alle società di revisione, al sistema bancario, fino agli uffici tecnici comunali…

e ad oggi non si parla di proroga seria…

Quindi la scadenza certa rimane il 31.12.2021

In caso di mancata proroga non rimarrà che chiudere la parentesi di questa avventura in continua salita e capire come gestire finanziariamente e fiscalmente quei cantieri già iniziati ma rallentati fortemente causa l’emergenza “Covid” e ritardi nel reperimento dei materiali e delle imprese.

Eppure l’Agenzia delle Entrate  nel comunicato stampa dell’8 giugno 2021 ha dato evidenza alla crescita che il “Superbonus” ha portato alle compravendite immobiliari e ai settori terziario-commerciale e produttivo nel primo trimestre 2021…

In qualità di professionisti coinvolti nelle dinamiche “Superbonus”, non possiamo che sperare di sapere con certezza il prima possibile come dovremo comportarci almeno con i cantieri in corso…

Per saperne di più sul funzionamento dell’agevolazione basta un click  “News Superbonus Agoràpro”

Autore:

Daniela Zanella, Commercialista, revisore Legale dei conti, Montebelluna (TV), coFounder Agoràpro
Daniela Zanella, Commercialista, revisore Legale dei conti
Servizio Agoràpro collegato a questo articolo: Superbonus 110%

Per ricevere periodicamente le nostre news nella tua casella e-mail,
iscriviti alla newsletter Agoràpro.